MENU
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA
Click per vedere l'elenco
Ultimi arrivi
Più rilevanti
Autore crescente
Autore decrescente
Titolo crescente
Titolo decrescente
Editore crescente
Editore decrescente
Prezzo crescente
Prezzo decrescente
Pagina
di

Le Collane

Letteratura Straniera Opere
#153736

Ma... i signori sposano le brune.



Autore:
Curatore: Con una nota di Attilio Brilli. Traduz.di Simonetta Neri.
Editore: Sellerio Ed.
Data di pubbl.:
Collana: Coll.La Memoria,86.

Dettagli: cm.12x17, pp.140, br. sopraccop.fig.a col. Coll.La Memoria,86.

Abstract: Il secondo diario della protagonista de I signori preferiscono le bionde. Più della grande letteratura, spesso è la piccola ad aggiungere qualcosa al mondo, mentre ne vuole essere lo specchio: ed è il caso, appunto, di questi due libri di Anita Loos: che volevano essere «commedia americana» (a rovescio della «tragedia» che scrittori come Anderson e Dreiser già campivano, preparando l'avvento dei Faulkner, Hemingway, Steinbeck, Caldwell, Cain), satira di un tipo umano e di un costume; e finivano invece col creare e diffondere quel tipo umano, quel costume, quella commedia. Il tipo era quello della donna «svampita»: sicura soltanto del suo essere bionda, vorace di una indefinita e ignota felicità (indefinita e ignota al punto da non riconoscerla al momento che vi si imbatteva), disattenta, svagata, distratta; e calamitava a sé una maschilità che si potrebbe dire d'apparenza, non priva di complessi e anzi con complessi, per così dire, a fior di pelle. E ne veniva una commedia di costume che non la catarsi suscitava, ma la mimesi. Tanto cinema visse di quella rendita (fino al mito di Marylin Monroe); e la vita vi si adeguò. Nella prefazione a una delle tante edizioni (del 1963), Anita Loos racconta di come I signori preferiscono le bionde è nato, del successo che immediatamente ebbe e che continuò ad avere (fino a una traduzione in russo e ad una interpretazione marxista che pare non le dispiaccia), della lettura che ne fece Joyce (stava per perdere la vista, e se la risparmiava per seguire su Harper's Bazaar le puntate del romanzo: e forse non erano estranee alla sua attenzione le cadute ortografiche e gli sfagli grammaticali), del giudizio di Santayana. Giudizio che oggi, con più accentuata celia, si può forse sottoscrivere: «il miglior libro di filosofia scritto da un americano».

EAN: 9788838902482
EUR 8.00
-31%
EUR 5.50
Aggiungi al Carrello
Inserisci un testo da ricercare in tutto il catalogo
Cerca
Nessun parametro di ricerca inserito.
Libri
Totale
Riepilogo Carrello
DESCRIZIONE
PREZZO
TOTALE LIBRI
Nessun articolo nel carrello.
Aggiunto titolo al carrello.
Rimosso titolo dal carrello.
Vai al carrello...
Bentornato
Avanti
Indietro
Spese gratis in Italia
Spese gratis in Europa
Aggiungi promo al Carrello
SCOPRI I LIBRI GRATIS
Chiudi
RICERCA
Password dimenticata ?
Click per vedere l'elenco
Dati di registrazione / Spedizione
Sei già nostro cliente ?
effettua la login
effettua il logout
Conferma Password
Nome
Cognome
Indirizzo / N° civico
Città / Provincia
Nazione
Telefono
Cellulare
Dati di fatturazione
Ragione Sociale
Partita IVA
Codice Fiscale
Sei una libreria ?
Si
Vuoi riceverla ?
Seleziona Materie
Materie inserite
Aggiungi
Sicurezza
Ripeti il codice di sciurezza
I campi contrassegnati con la bordatura rossa sono obbligatori.