MENU
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA
Click per vedere l'elenco
Ultimi arrivi
Più rilevanti
Autore crescente
Autore decrescente
Titolo crescente
Titolo decrescente
Editore crescente
Editore decrescente
Prezzo crescente
Prezzo decrescente
Pagina
di

Le Collane

#35379

Cimabue.



Autore:
Curatore: A cura di Giovanna Ragionieri.
Editore: 24 Ore Cultura -Motta.
Data di pubbl.:
Collana: Coll.Grandi Libri d'Arte.

Dettagli: cm.29x33,5, pp.303, num.figg.bn.e ill.e tavv.a col.anche a doppia pag. leg.ed.in t.tela, sopraccop.fig.a col.in cofanetto con piatti figg.a col. Coll.Grandi Libri d'Arte.

Abstract: Ricostruire la personalità artistica di Cimabue, precursore di Duccio e di Giotto, simbolo degli albori del grande rinnovamento della pittura italiana alla fine del Medioevo, è assai difficile sia per la mancanza di notizie documentarie sia a causa del numero esiguo di opere, peraltro non ben conservate. Per un certo periodo, infatti, la critica ha addirittura pensato a Cimabue come a una figura leggendaria, un pittore forse mai esistito, e la mancanza di monografie, studi e documenti su questo importante pittore accresce sempre di più l'interesse per una pubblicazione a lui interamente dedicata, un volume che abbia anche il valore di un testo critico, di un catalogo, di uno strumento di consultazione per gli studiosi e appassionati d'arte. E' per questo che questo volume, oggi, a distanza di circa 30 anni dall'ultima pubblicazione, intende proporsi come compendio storico, critico e artistico degli studi, delle ricerche e delle considerazioni filologiche finora emersi. E' ormai da molti anni che Luciano Bellosi, curatore di questa preziosa monografia, si occupa di questo artista: ha studiato e analizzato a fondo le opere di Cimabue, la sua cifra stilistica, la sua tecnica pittorica, contestualizzando la sua intera produzione e poetica artistica in un quadro sinottico rappresentato dal periodo storico, culturale, politico e sociale in cui ha svolto la sua attività: l'Italia Centrale e la Toscana della fine del XIII secolo. La figura di Cimabue cessa così di essere quella di un personaggio mitico, legato solo ai ricordi di Dante o del Boccaccio, diventando persona reale attraverso la documentazione e la descrizione della fasi più importanti della sua vita con confronti di opere di altri artisti dello stesso periodo. Questo aggiornato e dettagliato volume, suddiviso in sette capitoli, è arricchito da un testo di Antonio Paolucci - soprintendente per i Beni Artistici e Storici di Firenze, Prato e Pistoia - e da una sezione finale che comprende gli apparati fondamentali per una esaustiva consultazione: il catalogo delle opere di Cimabue, le opere citate dalle fonti, le opere erroneamente attribuite all'artista, l'appendice documentaria, la bibliografia, l'indice dei nomi e, infine, l'indice dei luoghi e delle opere. I sette saggi critici sono dedicati al percorso artistico di Cimabue: dagli inizi della sua carriera, a Pisa, seguiamo l'artista a Roma, a Firenze, ad Assisi fino ad arrivare agli ultimi anni. Avremo quindi il giovane Cimabue, la cui opera più antica arrivata fino a noi è il Crocefisso di San Domenico ad Arezzo; in seguito incontreremo gli affreschi e i mosaici del Sancta Sanctorum, eseguiti a Roma verso la fine del Duecento, il crocefisso di Santa Croce e la Madonna in trono col Bambino e angeli del Louvre, massime espressioni dell'opera dell'artista; quindi scopriremo un Cimabue più medievale e meno precursore di Giotto, innovatore e inventore del grande trono ligneo incrostato d'oro, degli angeli con le grandi ali coloratissime. Chiudono, infine, gli affreschi della Basilica Superiore, e di quella Inferiore, di S. Francesco di Assisi e la Maestà di Santa Trinita, che sono le sue opere più tardive, in un periodo, ormai, in cui le nuove idee di Giotto conquistano l'Italia. Luciano Bellosi, nato a Firenze nel 1936, professore presso l'Università di Siena, ricopre la cattedra di Storia dell'Arte Medievale dal 1979. Ha pubblicato numerosi saggi e libri dedicati all'arte, prevalentemente toscana del Duecento, Trecento e Quattrocento su riviste come: "Paragone", "Bollettino dell'Arte", "Prospettiva", "Revue de l'Art", "The Burlington Magazine". E', inoltre, curatore di numerose mostre, l'ultima delle quali "Francesco di Giorgio e il Rinascimento a Siena" è del 1993.

EAN: 9788866480471
EUR 125.00
-50%
EUR 62.50
Aggiungi al Carrello
Inserisci un testo da ricercare in tutto il catalogo
Cerca
Nessun parametro di ricerca inserito.
Libri
Totale
Riepilogo Carrello
DESCRIZIONE
PREZZO
TOTALE LIBRI
Nessun articolo nel carrello.
Aggiunto titolo al carrello.
Rimosso titolo dal carrello.
Vai al carrello...
Bentornato
Avanti
Indietro
Spese gratis in Italia
Spese gratis in Europa
Aggiungi promo al Carrello
SCOPRI I LIBRI GRATIS
Chiudi
RICERCA
Password dimenticata ?
Click per vedere l'elenco
Dati di registrazione / Spedizione
Sei già nostro cliente ?
effettua la login
effettua il logout
Conferma Password
Nome
Cognome
Indirizzo / N° civico
Città / Provincia
Nazione
Telefono
Cellulare
Dati di fatturazione
Ragione Sociale
Partita IVA
Codice Fiscale
Sei una libreria ?
Si
Vuoi riceverla ?
Seleziona Materie
Materie inserite
Aggiungi
Sicurezza
Ripeti il codice di sciurezza
I campi contrassegnati con la bordatura rossa sono obbligatori.