MENU
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA
Click per vedere l'elenco
Ultimi arrivi
Più rilevanti
Autore crescente
Autore decrescente
Titolo crescente
Titolo decrescente
Editore crescente
Editore decrescente
Prezzo crescente
Prezzo decrescente
Pagina
di

Storia Risorgimento

Le Collane

Roma, Stato Maggiore dell'Esercito- Ufficio Storico 1977, cm.18x24,5, pp.280, alcune figg.bn.ft. leg.ed.cartonata, Coll.Risorgimento.
EUR 18.00
Roma, Stato Maggiore dell'Esercito 1983, cm.17,5x25, pp.250, leg.ed.cartonata. Coll.Risorgimento e 1a Guerra Mondiale.
EUR 19.90
Saggio introduttivo di Rosario Romeo. Traduz.di Gino Luzzatto. Bari, Laterza 1985, cm.14x21,5 pp.XXVIII,58, br. Coll.BUL,133.
EUR 14.00
Milano, Bompiani 1993, cm.14x22, pp.292, alcune tavv.bn.nt., brossura copertina figurata. Coll. I Grandi Tascabili,279. Un grande racconto d'amore: la più celebre e chiacchierata storia d'amore del Risorgimento. Lui, il primo re d'Italia, lei, una piccola borghese, figlia di un tamburo maggiore dell'esercito. Un romanzo durato trent'anni. Sullo sfondo la nazione che nasce, con i suoi piccoli e grandi eroi.

EAN: 9788845220524
EUR 17.00
Roma, Donzelli 1999, cm.11x17,5, pp.184, brossura con bandelle e copertina figurata a colori. Coll. Saggine,35. «L’unificazione (come quasi tutti i grandi eventi storici) non era ineluttabile. Era un sogno e un progetto di certi movimenti politici che si concretizzò attraverso brusche accelerazioni, guerre, imprevedibili vittorie e repentini collassi. È una storia densa e drammatica quella che proverò in questo mio libro a raccontare». L’ingresso del Mezzogiorno nello Stato- nazione rappresenta il culmine del processo di unificazione. È proprio quell’evento, a ben vedere, il fulcro della celebrazione, e dell’anti-celebrazione revisionista, del centocinquantenario che si sta svolgendo sotto i nostri occhi. Salvatore Lupo – storico tra i più acuti e autorevoli – ragiona di quegli avvenimenti, e del mito che già allora si costruì intorno ad essi, nonché della rielaborazione della memoria che ne seguì di lì a un ventennio. Lupo adopera il termine «Risorgimento», perché è quello che ci è stato consegnato dalla tradizione, consapevole tuttavia che esso ha il difetto di occultare i forti elementi conflittuali che connotarono, e non necessariamente in senso negativo, il percorso unitario. Per restituire appieno la dimensione dei conflitti, il libro fa ricorso al termine «rivoluzione» (parola nobile e impegnativa), e insieme al suo opposto, «controrivoluzione»; o all’altro termine più inquietante, per la nostra coscienza e a maggior ragione per quella del tempo, di «guerra civile». Si trattò infatti di uno scontro politico e sociale, ma non solo: nell’Italia divisa del tempo, e soprattutto nel Mezzogiorno, si sovrapponevano e si contrapponevano diversi patriottismi, quello siciliano, napoletano, italiano. La vittoria dell’uno sull’altro e la sinergia tra l’uno e l’altro vanno ricondotte a precise circostanze politiche, e in particolare alla relazione tra un certo tipo di patria e un certo tipo di libertà. Queste complicazioni, in larga parte offuscate e rimosse nel lavorio di costruzione della nostra memoria, ci obbligano a ridefinire alcuni schemi interpretativi sul Risorgimento. Se intendono davvero fornire un contributo alla discussione pubblica, gli storici di oggi sono chiamati a restituire il senso – e i limiti – di quell’incontro ottocentesco tra patria e libertà.

EAN: 9788879894609
EUR 9.30
-26%
EUR 6.90
A cura di Natale Musarra. Centro Internazionle Studi Risorgimentali Garibaldini 2010, cm.16,5x24, pp.564, brossura copertina figurata a colori. Quaderno,9.
EUR 22.00
Roma, Stato Maggiore dell'Esercito 1977, cm.18x24,5, pp.280, alcune figg.bn.ft. leg.ed.cartonata, Coll.Risorgimento.

Note: Alcune sottolineature.
EUR 12.00
Premessa di Guido Pescosolido. Roma-Bari, Laterza, 2008. cm.14x21, pp.190. brossura copertina figurata a colori. Coll. Economica Laterza,144. Un grande classico della storiografìa italiana: la risposta neoliberale all'lnterpretazione gramsciana del Risorgimento come rivoluzione agraria mancata. Una lettura indispensabile per chiunque voglia capire a fondo le caratteristiche originarie del sistema economico italiano.

EAN: 9788842055181
EUR 8.50
-29%
EUR 6.00
Bologna, Edizioni La Linea 2011, cm.12x17, pp.173, brossura copertina figurata a colori. Coll. Le Stringhe,1. Un saggio che ricostruisce le affascinanti e spericolate vite di donne del Risorgimento italiano alla scoperta dell'amore e della politica, due potenti passioni capaci di dare un senso profondo all'esistenza.

EAN: 9788897462019
EUR 10.00
-20%
EUR 8.00
Pagine politiche. A cura di David Bidussa. Milano, Feltrinelli 2010, cm.13x20, pp.120, brossura copertina figurata. Coll. I Classici. Goffredo Mameli (Genova 1827-Roma 1849), poeta, patriota e scrittore, è stato tra le figure più importanti del Risorgimento italiano. Scrisse a vent'anni le parole del Canto degli Italiani, poi adottato come inno nazionale nel 1946, e morì due anni dopo per una ferita riportata durante la difesa della Repubblica Romana. Per amor di patria e dell'autonomia nazionale, partecipò attivamente alla lotta per l'indipendenza: sventola il tricolore nonostante il divieto, organizza una spedizione che affianca Nino Bixio nel 1848 per l'insurrezione di Milano, diviene il fiduciario di Mazzini, viene arruolato nell'esercito di Garibaldi, poi è a Roma per la proclamazione della Repubblica Romana e organizza la Costituente, va a Genova con Bixio contro il generale Lamarmora e di nuovo in difesa di Roma dove morì. Mazziniano e sostenitore della libertà di stampa, scrive articoli, manifesti e proclami per incitare i governi e la popolazione alla guerra di liberazione e per difendere i nuovi principi democratici e popolari. In questa antologia sono raccolti alcuni dei suoi testi politici più significativi, del biennio 1848-49, dai quali emerge tutta la passione del militante rivoluzionario e insieme la profondità del suo sentimento civile. Celebrato quale eroe e retore del patriottismo, Mameli offre un'occasione per ripensare oggi il mito del Risorgimento, oltre che per indagare la condizione esistenziale di chi fa sacrificio di sé per la patria in giovanissima età.
EUR 6.50
-23%
EUR 5.00
Milano, Rizzoli 2010, cm.14x21, pp.353, legatura editoriale con sovracopertina figurata a colori. La sera del 6 settembre 1860, all'avvicinarsi delle truppe garibaldine, il re Francesco II di Borbone lascia Napoli con la sua corte e si stabilisce nella roccaforte di Gaeta, facendone la sua capitale. Dopo l'incontro di Teano tra Garibaldi e Vittorio Emanuele II, manca solo Gaeta per completare l'annessione del Sud a quello che sta per diventare il regno d'Italia. Così il 5 novembre le truppe piemontesi, guidate dal generale Cialdini, stringono d'assedio la città. È un attacco brutale, che porta alla morte di migliaia e migliaia di militari e civili a causa delle cannonate e dell'epidemia di tifo scoppiata per le precarie condizioni igieniche. Gigi Di Fiore lo ricostruisce sulla base di documenti e testimonianze inedite, e mette in risalto le contraddizioni (e le sopraffazioni) su cui si fonda la nostra unità nazionale.

EAN: 9788817043168
EUR 20.00
-30%
EUR 14.00
Prefazione di Maurizio viroli. Roma, Castelvecchi 2014, cm.11x20, pp.59, brossura con bandelle. Coll. Etcetera.

EAN: 9788868261436
EUR 9.00
-28%
EUR 6.50
Milano, Rizzoli 2010, cm.15,5x22,5, pp.461,(3), brossura copertina figurata. Coll. BUR Saggi. L'unità d'Italia è un valore indiscutibile, ma come è stata raggiunta? Dei 22 anni dall'esplosione rivoluzionaria del 1848 alla breccia di Porta Pia nel 1870, molti episodi rimangono nell'ombra: il bombardamento piemontese di Genova del 1849, i plebisciti combinati per le annessioni del Centro Italia, le agitazioni manovrate da carabinieri infiltrati, la corruzione e gli appoggi mafiosi e camorristici alla marcia trionfale di Garibaldi, la guerra civile del brigantaggio, le leggi anti-cattoliche. Con il piglio narrativo del giornalista e basandosi su una ricca scelta di documenti inediti, Gigi Di Fiore sfata i miti del Risorgimento, portando alla luce fatti troppo a lungo rimossi.

EAN: 9788817018463
Note: Sparuti segni a matita nera. Testo perfettamente fruibile.
EUR 14.00
Roma-Bari, Laterza 2009, cm.14x21, pp.XIII,345, brossura con bandelle e copertina figurata a colori. Coll.I Robinson. Letture. Dal 1796 al 1870 vi è stato un tempo della nostra storia nel quale molti italiani non hanno avuto paura della libertà, l'hanno cercata e hanno dato la vita per realizzare il sogno della nazione divenuta patria. È stato il tempo del Risorgimento quando la libertà significava verità. Anzitutto sentirsi partecipi di una Italia comune, non dell'Italia dei sette Stati, ostili tra loro e strettamente sorvegliati da potenze straniere. La conquista della libertà "italiana" è stata la rivendicazione dell'unità culturale, storica, ideale di un popolo per secoli interdetto e separato, l'affermazione della sua indipendenza politica, la fine delle molte subalternità alla Chiesa del potere temporale, l'ingresso nell'Europa moderna delle Costituzioni, dei diritti dell'uomo e del cittadino, del senso della giustizia e del valore dell'eguaglianza ereditati dalla rivoluzione francese. Un'Italia dolente, notturna, divisa, risvegliata alla libertà. Le armi, le parole di un popolo che scopre se stesso dopo secoli di servitù. Giovani che hanno combattuto per l'unità e l'indipendenza della nazione. Questo è stato il Risorgimento. E questo resta l'orizzonte storico insormontabile della nostra identità nazionale e del nostro Stato democratico.

EAN: 9788842091028
EUR 18.00
-50%
EUR 9.00
Milano, Mursia 1963, cm.17x24, pp.209, legatura editoriale con sovracopertina figurata a colori. Coll. Strenne Corticelli,60.

Note: Piccoli strappi e mende alla sovracopertina.
EUR 8.00
Roma, Stato Maggiore dell'Esercito 1981, cm.17,5x25, pp.340, legatura editoriale in tutta tela. Coll.Risorgimento.
EUR 16.00
Ministero della Difesa, Comitato Storico per lo Studio della Figura e dell'Opera Militare del Generale Giuseppe Garibaldi. Roma, 29-31 Maggio 1982. A cura del professor Aldo Mola. Roma, Stato Maggiore dell'Esercito Ufficio Storico 1984, cm.17x24, pp.666, legatura editoriale, sopracoperta figurata a colori.
EUR 23.00
Roma, Stato Maggiore dell'Esercito 2007, cm.17x24, pp.388, alcune tavole a col.ft. e figg.bn.nt. br.cop.fig.bn.
EUR 22.00
Milano, Marzorati Editore 1976, cm.17,3x24,5, pp.XII,675,(1), 16 tavv.in bn.ft., leg.ed.cartonata, titoli in oro al piatto ant.e al dorso, sopraccop.fig.
EUR 18.00
Firenze, Olschki 2008, cm.17x24, pp.176, br. Coll.Il Pensiero Politico,Biblioteca, vol.28. Il concetto di nazione e il rifiuto della lotta di classe sono i tratti di una indubbia attualità del progetto politico mazziniano: sono elementi dottrinali che Mazzini sviluppa con notevole anticipo rispetto allo scontro ideologico col marxismo e l’internazionalismo. La ricerca è un tentativo di spostare il dibattito sulla caratterizzazione riformistica del suo pensiero. Essa è il frutto delle grandi discussioni prima e dopo gli anni ’40 con i personaggi più in vista della democrazia, del liberalismo e del cartismo.

EAN: 9788822257550
EUR 18.00
-10%
EUR 16.20
Inserisci un testo da ricercare in tutto il catalogo
Cerca
Nessun parametro di ricerca inserito.
Libri
Totale
Riepilogo Carrello
DESCRIZIONE
PREZZO
TOTALE LIBRI
Nessun articolo nel carrello.
Aggiunto titolo al carrello.
Rimosso titolo dal carrello.
Vai al carrello...
Bentornato
Spese gratis in Italia
Spese gratis in Europa
Aggiungi promo al Carrello
SCOPRI I LIBRI GRATIS
Chiudi
RICERCA
Password dimenticata ?
Click per vedere l'elenco
Dati di registrazione / Spedizione
Hai già un account ?
effettua la login
effettua il logout
Conferma Password
Nome
Cognome
Indirizzo / N° civico
Città / Provincia
Nazione
Telefono
Cellulare
Dati di fatturazione
Ragione Sociale
Partita IVA
Codice Fiscale
Sei una libreria ?
Si
Vuoi riceverla ?
Seleziona Materie
Materie inserite
Aggiungi
Sicurezza
Ripeti il codice di sciurezza
I campi contrassegnati con la bordatura rossa sono obbligatori.