CARRELLO vai al carrello
Libri
Totale
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA

Storia Contemporanea Prima Guerra Mondiale

Episodi di guerra nel cadore. Milano, A.Mondadori 1935, cm.14x22, pp.284, illustrato. brossura con sovraccoperta. Coll.Drammi e Segreti della Storia,28. I Libri Verdi.
Note: Normali segin del tempo, imperfezioni ed aloni.
EUR 30.00
Ultima copia
A cura di Alberto Zampieri. Ospedaletto, Pacini Editore 2015, cm.21x29,5, pp.202, illustrazioni in bianco e nero e a colori, tavole in bianco e nero e a colori. brossura copertina figurata. Collana Storia. Tra i conflitti più sanguinosi vi fu senza dubbio quello della Prima Guerra Mondiale che spezzò circa dieci milioni di vite umane, senza contare i feriti e i cinque milioni di persone che, sparse ovunque nel mondo, morirono per le carestie e le epidemie che il conflitto stesso aveva provocato. La città di Pisa non fu direttamente ferita dal conflitto ma dette il suo contributo in vite umane, specie tra i giovani studenti universitari. Essa contribuì anche alla salvezza di opere d'arte non solo proprie ma anche giunte fin da Venezia. "L'atmosfera di guerra si respirava un po' ovunque, tra ospedali, parrocchie e nelle vie cittadine del centro nelle quali la vivacità del popolo si era notevolmente smorzata, come si evince dalle cronache dei giornali locali..." (Laura Zampieri). Alcuni dei più autorevoli esperti raccontano la città toscana durante il primo conflitto mondiale: come città e cittadini affrontarono la guerra e come ne uscirono.

EAN: 9788863159493
EUR 29.00
-37%
EUR 18.00
Disponibile
Presentazione di Pier Paolo Cervone. Milano, Medusa Edizioni 2012, cm.14x22, pp.92, num.tavv.bn.ft. br.cop.fig. Coll.Le Porpore,107. Era fra quelli che combatterono a Verdun, e questa esperienza segnò la sua vita. Tanto che volle, primo fra gli storici della grande guerra, pubblicare le testimonianze dei soldati sopravvissuti. La guerra vista "dal basso", con gli occhi di chi l'ha combattuta. Contro l'immagine eroica e trionfale costruita dai politici e dai generali che vollero nascondere la disfatta europea prodotta dall'"inutile strage". Nel libro che lo rese famoso, Témoins, uscito nel 1929 suscitando polemiche e reazioni anche violente, Norton Cru fa parlare, esclusivamente, ex combattenti, quasi tutti soldati, rari gli ufficiali. Insomma i "poilus", come i francesi avevano ribattezzato, con orgoglio e ammirazione, chi visse quella tremenda esperienza sul fronte occidentale. Era un "saggio di analisi e di critica delle memorie dei combattenti edite in francese tra il 1915 e il 1928". L'esperienza della guerra aveva reso Norton Cru insofferente alla letteratura bellica che, spesso, scrive di cose che non conosce e non ha vissuto: "Considero un sacrilegio fare del nostro sangue e delle nostre angosce materia di letteratura". In quell'opera monumentale, che gli costò anni di lavoro, Norton Cru classificava e analizzava oltre trecento racconti di guerra, per verificarne la veracità o la loro dipendenza alle menzogne diffuse dall'establishment francese. Il libro fu rifiutato da tutti gli editori e pubblicato a spese dell'autore.

EAN: 9788876982484
EUR 11.50
-13%
EUR 9.90
Disponibile
Milano, Mursia 1996, cm.14x21 pp.136, 29 illustrazioni fuori testo. brossura, copertina figurata con bandelle.

EAN: 9788842519874
EUR 16.00
Ultima copia
Traduz.di Carla Lazzari. Milano, Mondadori 2010, cm.11x18, pp.X,698, legatura editoriale cartonata, fregi al dorso. Cofanetto. Collezione I Meridiani. I Classici della Storia,17.
EUR 16.90
Ultima copia
Pisa, Pacini Editore 2018, cm.17x24, pp.390 brossura copertina figurata a colori. Coll.Ricerche di Storia,7. Durante la Prima guerra mondiale le distruzioni del patrimonio artistico e monumentale assunsero una ampiezza inedita, anche in virtù degli effetti devastanti delle nuove armi. Anche l’impatto sull’opinione pubblica fu straordinariamente rilevante. Da una parte si pose il problema non facile della protezione e della tutela del patrimonio, dall’altra i danneggiamenti subiti divennero oggetto privilegiato della propaganda contro la “barbarie” nemica, che colpiva un patrimonio di valore universale. Furono definite “atrocità culturali” per paragonarle alle atrocità commesse dai tedeschi nei territori occupati. Rispetto a questo fortissimo coinvolgimento del patrimonio artistico nello scontro ideologico e propagandistico del periodo bellico la fotografia ebbe un ruolo fortemente adiuvante. Da una parte agevolava l’opera di tutela e di ricostruzione o restauro; dall’altra era in grado di esprimere la forte carica emotiva che scaturiva dal fatto che le immagini delle “rovine di guerra” venivano rappresentate come ferite al corpo simbolico della nazione, avvicinandole al tema del lutto e del sacrificio dei soldati caduti. Il volume ripercorre le principali tappe e i protagonisti della tutela dell’arte in guerra e approfondisce il sistema di comunicazione fotografica creato durante il conflitto. Analizza quindi la produzione e circolazione delle immagini e le modalità organizzative e operative che permisero di utilizzare la fotografia volta a volta in funzione documentativa per gli operatori della tutela, oppure in funzione di sollecitazione emotiva per il grande pubblico, secondo un registro fortemente empatico.

EAN: 9788869959295
EUR 25.00
-40%
EUR 15.00
Disponibile
Milano, Mondadori Ed. 1921 cm.13x19, pp.334, brossura, copertin figurata. Seconda edizione. Nel romanzo Verginità, pubblicato nel 1920, Fausto Maria Martini riferisce la sua personale vicenda di "rinascita" dopo il grave ferimento alla testa subito in guerra. Un libro singolare, difficile da recensire come da leggere perché del tutto fuori dai canoni del genere. Non vi si cerchi un chiaro giudizio sulla guerra, che viene invece raccontata e decodificata solo indirettamente, attraverso il dato empirico delle sensazioni che sorgono dal corpo offeso del soldato. Nell'ospedale militare in cui il romanzo è in buona parte ambientato, le terribili menomazioni dei combattenti non trovano alcuna giustificazione: non l'amore di patria, non l'eroismo, non altri confortanti ideali. L'unico valore positivo è invece la nuova visione del mondo offerta inopinatamente ai convalescenti dal lento ritornare della vita...
Note: lievi mende al dorso e mancanze a modeste porzioni della porzione superiore delle prime pagine, non riguradanti la parte scritta.
EUR 13.00
Ultima copia
Roma, Salerno 2017, cm.12,5x19,5, pp.228, brossura copertina figurata a colori. Coll.Mosaici,2. L'ultimo anno della Grande Guerra è l'anno della sconfitta e della vittoria. Tra l'Italia di Caporetto e quella di Vittorio Veneto prende forma l'Italia del Piave. Caporetto non segna solo una ferita militare, ma passa alla storia come l'immagine emblematica della disfatta. La ricerca dei responsabili s'intreccia con gli alibi della classe dirigente, che attribuisce la colpa alla viltà dei soldati e al clima disfattista che serpeggia nelle retrovie. La paura del tradimento percorre l'intera penisola. Dai fantasmi della sconfitta riemergono però le "Italie" che resistono, quella militare e quella del fronte interno. L'esercito si riorganizza, la resistenza sul Grappa e sul Piave acquista una dimensione patriottica ed elimina ogni traccia di dissenso riducendo al silenzio i "nemici interni". L'Italia del Piave resiste all'offensiva austro-ungarica del giugno 1918 e si avvia alla vittoria finale. Vittorio Veneto permette la costruzione del mito della Grande Guerra e al tempo stesso diventa la premessa di una vittoria subito percepita come mutilata.

EAN: 9788869732317
EUR 15.00
-27%
EUR 10.90
Disponibile
Roma, Salerno 2019, cm.12,5x19,5, pp.228, brossura copertina figurata a colori. Coll.Mosaici,4. Sin dai primi giorni dell'agosto 1914, in gran parte dei paesi belligeranti, iniziò un traumatico processo di sradicamento di individui e comunità di nazionalità nemica dagli esiti irreversibili. La violenza xenofoba, fomentata dalla propaganda e dalla cosiddetta «febbre delle spie», raggiunse il culmine nel maggio 1915 in seguito all'affondamento del Lusitania e da allora si inasprirono i provvedimenti nei confronti dei cittadini di nazionalità nemica: internamento, sequestro dei beni, denazionalizzazione. Eppure questi processi violenti non riuscirono a distruggere il rispetto per i diritti e le libertà individuali. Non mancarono, infatti, coloro che si adoperarono per l'organizzazione degli aiuti, cercarono di salvaguardare i diritti umani, denunciarono le distorsioni dell'ordinamento giuridico, tennero vivi i valori dell'internazionalismo e della solidarietà.

EAN: 9788869732324
EUR 16.00
-25%
EUR 12.00
Disponibile
Impressioni del fronte italiano. Firenze, Passigli Editori 1988, cm.11x18,5, pp.65, brossura con bandelle.
Note: Tagli bruniti.
EUR 7.00
Ultima copia
Roma, Salerno 2019, cm.13x20, pp.132, brossura copertina figurata. Coll.Aculei,35. Collana diretta da Alessandro Barbero. La fine del primo conflitto mondiale aveva lasciato in eredità al vecchio continente tensioni tra vincitori e vinti, la convinzione che i trattati di Versailles avessero tradito non solo lo spirito della «pace giusta» promessa dal presidente Wilson ma anche le aspettative di rinnovamento (o di grandezza) che avevano spinto molti europei a cercare la guerra. La pace si rivelò un fallimento anche per molti italiani, soprattutto per i giovani. La nuova Italia uscita dalla vittoria non sembrò a molti quella gloriosa potenza imperiale, ammirata e rispettata, che si aspettavano. La questione di Fiume, la città portuale, italiana di cultura, che il governo di Roma aveva omesso di chiedere tra i compensi per l'intervento del 1915 e il cui destino era appeso a pazienti discussioni con i vecchi alleati, sembrò catalizzare tutte le delusioni, le umiliazioni e le ingiustizie di un dopoguerra amaro. Su di essa finirono per convergere le frustrazioni di una generazione di giovani che si sentiva mortificata da un olocausto apparentemente inutile, oltre che le ansie e le velleità di una galassia di spiriti bizzarri e insoddisfatti (intellettuali, artisti, avventurieri di ogni risma) che la fine delle battaglie aveva lasciato senza un palcoscenico. Questo libro racconta la questione fiumana nel contesto internazionale di un'Europa in crisi, squassata da rivendicazioni nazionali e generazionali e scossa da guerre non dichiarate tra gli stati successori degli imperi dissolti dal primo conflitto mondiale. Lungi dall'essere una questione italiana (o italo-slava), Fiume fu un teatro mondiale, la messa in scena di una comunità di giovani sedotta dalle parole di cattivi maestri e convinta di poter scatenare la rivoluzione contro il vecchio ordine.

EAN: 9788869733642
EUR 14.00
-29%
EUR 9.90
Disponibile
A cura di Roberto Iannantuono. Roma, Salerno 2019, cm.12,5x19,5, pp.368, brossura copertina figurata a colori. Coll.Mosaici,10. Cento anni dopo la fine della Grande Guerra, Mario Insnenghi racconta l'Italia del '14-'19 attraverso le testimonianze di coloro che parteciparono al dibattito sul conflitto, di coloro che partirono e di quelli che tornarono. Le voci dei protagonisti dell'impresa bellica italiana si mescolano alla voce del narratore, che raccoglie in questo volume le conferenze tenute in cinque anni di incontri presso l'Ateneo Veneto di Venezia, esattamente un secolo dopo quegli anni decisivi. Il risultato è un libro che restituisce la dimensione orale in una forma di narrazione che si colloca tra il parlato e lo scritto. È la "terza via", come ama definirla l'autore, che l'ha già sperimentata con successo nel 2011 per il 150° dell'Unità (Dieci lezioni sull'Italia contemporanea). In questa sintesi del 1914-19, Isnenghi percorre l'Italia intrecciando storie, memorie e oblii. I fatti e sentimenti degli uomini e delle donne di allora si intrecciano con i luoghi del presente, con le vecchie targhe dimenticate, con le retoriche del centenario e con le rielaborazioni che in questi anni non hanno smesso di investire uno dei più importanti pezzi di storia italiana: la storia della nostra Grande Guerra, dai mesi che la precedono a quelli che la seguono.

EAN: 9788869733673
EUR 23.00
-39%
EUR 14.00
Disponibile
Pisa, Pacini Editore 2020, cm.18x21,5, pp.286, brossura copertina figurata a colori. Coll.Le Ragioni di Clio. Saggistica. Sguardi sbarrati, allucinazioni, tremori, confusione mentale, depressione. Sono alcuni dei sintomi che i soldati investiti dalla potenza traumatica della Grande guerra manifestarono al momento del loro ingresso nel manicomio di Racconigi. Chi decideva e come venivano organizzati i ricoveri? Come reagì la psichiatria italiana di fronte ai traumi bellici? Quali furono le diagnosi utilizzate per descrivere il fenomeno? Quale fu il ruolo delle famiglie degli internati? Attraverso lo spoglio sistematico di vari fondi archivistici e l'esame di tutte le cartelle cliniche dei soldati, il volume intende rispondere a questi interrogativi, interpretando in sede locale dinamiche più generali riguardanti il rapporto tra esercito, disagio mentale e guerra.

EAN: 9788869957253
EUR 18.00
-27%
EUR 13.00
Disponibile
Pisa, Pacini Editore 2022, cm.15,5x21, pp.324, brossura copertina figurata a colori. «Terra matta»; «terra bruciata». I nomignoli affibbiati ai soldati siciliani nelle trincee della Grande guerra evocavano spesso un luogo che gli altri commilitoni immaginavano inospitale, selvaggio ed esotico. Benché lontana dal fronte, anche la Sicilia visse il conflitto come un evento spartiacque. Questo volume presenta un quadro documentato, ampio e variegato delle scritture intime dei siciliani, soprattutto militari ma anche civili. Lettere, diari, memorie, oltre a far luce sui processi di nazionalizzazione e acculturazione patriottica, restituiscono la sofferenza per una guerra da cui ci si sente schiacciati, ma anche lo spirito di adattamento e il senso di appartenenza a una storia e a un disegno imperscrutabile e più grande. Per alcuni dei giovani siciliani trascinati al fronte in località sconosciute e così diverse da quelle di provenienza, la guerra fu un’iniziazione alla vita; per altri un atroce obolo da versare: per tutti fu un avvenimento fondamentale destinato a cambiare l’esistenza propria e collettiva.

EAN: 9791254860359
EUR 21.00
-28%
EUR 15.00
Disponibile
Dalle raccolte del reparto fotografico del Comando supremo. Treves 1916, cm.23,5x31,5, pp.da 192 a 384, legatura editoriale in tutta tel.a
Note: numerose scritte alla prima carta e mende alla copertina.
EUR 20.00
Ultima copia
Vol.I:L'anno fatale. pp.770,XVIII. Vol.II:L'anno della passione 1915. pp.763, XXIII. Vol.III:L'anno d'angoscia 1916. pp.828,XXXIII. Vol.IV:L'anno terribile 1917. pp.868,XXIV. Vol.V:L'Anno di gloria 1918. pp.1130,XXXI. Vol.VI:Scorci e riverberi, pp.932,IX. Vol.di Tavole illustrative delle operazioni degli eserciti belligeranti su tutti i fronti nella grande guerra 1914-1918, a cura del Capitano Bruno Montanari. Milano, Armando Gorlini Ed. 1938, completa in 6 volumi + volume di tavv., 43 ripieg. cm.17,5x27, ogni volume è corredato da num.figg.bn. legature editoriali in tutta tela. Seconda edizione.
EUR 160.00
Ultima copia
Vol.I: Dalla Triplice alla neutralità e alla Guerra. Vol.II: Dall'inizio delle ostilità italo-austriache alla dichiarazione di guerra alla Turchia. Vol.III: Dalle vittorie di Pregasina e di Cima Fredda alla conquista di Gorizia (1° settembre 1915-31 agosto 1916). Vol.IV: Le operazioni di guerra da settembre a dicembre 1916, e Governo e Paese fino all'agosto. Vol.V: Le operazioni di guerra dal gennaio al novembre 1917. Dalla Bainsizza a Caporetto. Da Caporetto al Piave. Vol.VI: Dal Piave a Vittorio Veneto. La vittoria. Milano-Roma, Treves-Treccani-Tumminelli 1930-1931, 6 volumi completo. cm.20x29,5, pp.392,400,368,312,304,332, num.issime ill.bn.nt. rilegato in emzza tela, copertine colorati applicate.
Note: lievi mende.
EUR 90.00
Ultima copia
Versione integrale dal'inglese di Alberto tedeschi. Milano, Omero Marangoni Editore 1933, cm.13,5x20,5, pp.350, legatura in tela, con copertina originale applicata. Collana della Grande Guerra. Esemplare numerato num.39.
EUR 25.00
Ultima copia
Verona, Mondadori 1926, cm.15x23, pp.297, brossura. Coll.Italiana di Diari, Memorie, Studi e Documenti per servire alla Storia della Guerra del Mondo. Intonso.
EUR 9.00
Ultima copia
Milano, Mursia 1974, cm.14,5x21,5, pp.387, 53 ill.e tavv.e 7 cartine bn.ft. legatura editoriale, sopracoperta figurata.
Note: Mancante della sopracoperta.
EUR 13.00
Ultima copia
Verona, Mondadori 1928, cm.15x23, pp.475, brossura. Coll.Italiana di Diari, Memorie, Studi e Documenti per servire alla Storia della Guerra del Mondo. Intonso.
EUR 17.00
Ultima copia
Milano, Omero Marangoni Editore 1934, cm.15x21,5, pp.305, con 64 illustrazioni ft. brossura copertina figurata. Colllana della Grande Guerra.
EUR 39.00
Ultima copia
Pubblicazione in fascicoli quindicinali di pp. 32. Milano, Fratelli Treves Editori 1932, Serie completa di 12 volumi. cm.20x29, pp.circa 4500 complessive , volumi riccamente illustrati. rilegature in mezza tela, copertine originali applicate ai piatti e ai dorsi.
EUR 190.00
Ultima copia
Parma, Editrice La Stampa Nazionale 1922, cm.16x24, pp.XI,170, brossura.
Note: copertina con mende,
EUR 25.00
Ultima copia