CARRELLO vai al carrello
Libri
Totale
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA

Storia Pirateria e Brigantaggio

Torino, Paravia 1934, cm.14x21, pp.238, brossura copertina figurata a colori. Collana I Grandi Viaggi di Esplorazione.
Note: Copertina con imperfezioni, bruniture ed aloni.
EUR 45.00
Ultima copia
Traduzione dal tedesco di Eugenio Modena. Firenze, Adriano Salani 1930, cm.14,5x19, pp.320, 32 tavv.in bn.ft., leg.ed.in t.tela, sopracoperta figurata a colori.
Note: sopracoperta in parte lacerata.
EUR 14.00
Ultima copia
Milano, Longanesi Ed. 1967, 2 voll. cm.15x23, pp.280,312, tascabili, copp.figg.a col. Coll.I Libri Pocket,97,105.
Note: Segni d'uso alla copertina del primo volume.
EUR 13.00
Ultima copia
Milano, Mursia 2009, cm.14x21, pp.207, brossura copertina figurata a colori. Collana Biblioteca del Mare. La vita e le gesta di Antonio de Faria, pirata portoghese del XVI secolo, si sovrappongono e si confondono con quelle del suo biografo, l'avventuriero Fernando Mendes Pinto, protagonista dell'espansione lusitana nell'Estremo Oriente, che ha raccontato nel suo diario di viaggio Peregrinazione. De Faria e Mendes Pinto sono probabilmente la stessa persona, un'ambiguità che rende questo libro un originale documento storico: le imprese del pirata lusitano, tra naufragi e tempeste, predoni e arrembaggi, rapimenti di fanciulle e inseguimenti sui mari, sono allo stesso tempo un racconto avvincente e un affresco storico della marineria lusitana nei secoli in cui dominava gli Oceani.

EAN: 9788842540281
EUR 14.00
-14%
EUR 12.00
Ultima copia
Bologna, M. Testa Editore 1938 cm.14x20, pp.182, brossura con bandellette copertina figurata a colori. Terza edizione.
Note: Bruniture.
EUR 10.00
2 copie
Milano, Longanesi Ed. 1959, cm.15x23, pp.550, 9 incisioni, 8 tavv.ft.e 1 a col.in antip. Legatura editoriale cartonata, cofanetto figurato a colori. Coll.Il Cammeo,148.
EUR 35.00
Ultima copia
Milano, Editrice Antonioli di Carlo Pastore 1945, cm.15x21, pp.196, brossura, Collezione Storica del Condor. Diretta da Renzo Segala. I Romanzi della Storia,2.
Note: Sovraccoperta con strappi interno molto buono.
EUR 18.00
Ultima copia
A cura di Franco Marenco, traduzione di Luciana Stefani. Torino, Einaudi Ed. 1988, cm.16,5x21, pp.XXII,281, 20 ill.bn.in tavv.ft. brossura sopracoperta figurata a colori. Coll.Saggi,708.

EAN: 9788806599393
EUR 19.90
Ultima copia
Traduzione di Maria Alessandra Panzanelli Fratoni. Roma, Salerno Ed. 2003, cm.15x21, pp.360, bossura copertina figurata a colori. Coll.Piccoli Saggi,16 Il termine barbareschi apparve nel XVI secolo per designare i corsari dell'Africa settentrionale: erano ufficiali del sultano di Costantinopoli che guidavano i loro sciabecchi e le altre imbarcazioni veloci alla conquista delle coste del Mediterraneo. I più noti furono i fratelli Barbarossa, figli di un siciliano catturato e poi convertitosi all'Islam. Fondatori della Reggenza di Algeri, costituirono per trent'anni il terrore degli spagnoli e razziarono le coste calabresi e siciliane arrivando fino a Nizza. Questo volume presenta la storia della pirateria mediterranea tra XIV e XVI secolo, con tutto ciò che essa ha comportato.

EAN: 9788884024022
EUR 18.00
-11%
EUR 16.00
Disponibile
Bologna, Cappelli 1983, cm.15,5x21,5, pp.200, brossura. Coll.Studi e Testi di Storia Medioevale,6 Copia con autografo dell'autrice. Se la storia della navigazione è ricca di opere scientifiche, basate su documenti e testi molto seri, meno lo è quella dei corsari e dei pirati, ricca di saggi divulgativi, talvolta inframezzati da leggende e mancanti di prove utili allo studioso; l’argomento si presta al romanzo, alla fantasia, alla narrativa di avventure. Ne è facile trovare negli archivi, se non con un faticoso lavoro, documenti relativi alla materia, memoriali o atti, nei quali si parli di arrembaggi, di armi usate, di remi, di cambi di velature, di cibi a bordo, di strumenti, di quanto, infine, può rendere vivo il quadro della pirateria e della corsa. Questo libro di Anna Unali è una preziosa, affascinante eccezione. L’autrice ha lavorato a lungo negli archivi, nelle biblioteche, nei musei marittimi della Spagna e in modo particolare nell’Archivio della Corona d’Aragona e nell’Archivio della Città di Barcellona; ha curato lo spoglio di centinaia di documenti e ha trovato quelli proficui alla stesura della sua opera. Precedenti studi, un volume ed alcuni saggi, dedicati agli equipaggi delle navi catalane e ai traffici commerciali nel Quattrocento, le hanno facilitato il compito. Così questo testo per la conoscenza dei pirati e dei corsari nel basso Medio Evo è da considerarsi basilare.
Note: Leggero ai tagli, interno perfetto.
EUR 28.00
Ultima copia
Traduzione di L.Filipelli. Milano, Mediolanum 1935, cm.13x18,5, pp.224, 16 tavv.in bn.ft., rilegatura artigianale cartonata, fasciata con carta a motivo floreale stilizzato. Coll.Uomini e Folle,27.
EUR 20.00
Ultima copia
Edizione ciritica di Enrico Lodi. Milano, Medusa 2020, cm.12,5x21, pp.120 , 1 tavola. brossura copertina figurata con bandelle. Coll.Argonauti,41. «Appena arrivarono alla marina, le galere tutte fecero tenda, suonarono i pifferi, e gettarono in acqua lo schifo, coperto di ricchi tappeti e di cuscini di velluto chermisino. All'istante che don Chisciotte vi mise il piede, la capitana sparò il cannone di corsia, e le altre galere fecero lo stesso; e al salire egli per la scala esterna venne salutato dalla ciurma tutta come si usa quando persona di grande affare entra nelle galere, dicendo: hu, hu, hu, per tre volte». "Questo passo, tratto dal capitolo LXIII del secondo volume del Don Chisciotte presenta molti elementi comuni col piccolo gioiello narrativo di cui presentiamo ora l'edizione critica: La Verdadera relaçión con cui l'artigliere Baltasar Gago narra l'attacco corsaro subito nel 1578 da due galere spagnole. Il documento, conservato presso l'archivio di Simancas, racconta il viaggio delle due navi concesse dal viceré di Sicilia Marco Antonio Colonna - già eroe di Lepanto - per portare il duca di Terranova da Palermo a Genova. Durante la traversata, le due imbarcazioni vengono però attaccate da una flottiglia di corsari e, mentre una si perde in mare, la Capitana, su cui viaggiava Gago, arriva con difficoltà fino all'isola di Capri. Gago descrive in modo dettagliato e originale l'accaduto e offre al lettore testimonianza di un concitato episodio di vita marittima. In questo volume si presenta uno studio mirato a far luce su tutti gli aspetti significativi intercettati dal testo, dalla questione della pirateria mediterranea, al genere delle relazioni e all'immaginario militare dell'epoca. Una sezione importante è dedicata anche all'aspetto linguistico del documento - tradotto con testo a fronte -, tanto nella sua dimensione storica, come in quella specialistica legata al gergo delle galere tanto vicino anche al coevo Cervantes." (Enrico Lodi)

EAN: 9788876984686
EUR 13.50
-11%
EUR 12.00
Disponibile
Nel regno della mafia. Bologna, Cappelli Editore 1972, cm.13x21, pp.174, brossura copertina figurata. Coll.Saggi Cappelli.
EUR 8.00
Ultima copia
Traduit par P.Teillac, capitaine de fregate de réserve. Avec quatre croquis. Paris, Payot 1933, cm.14,5x23, pp.394, br. Bbiliotheque Historique.
EUR 10.00
Ultima copia
Presentazione di Renato Sicurezza. Roma, Editalia 1994, cm.24x31, pp.223 ill.a colori. legatura editoriale, sopracoperta figurata a colori.

EAN: 9788870603002
EUR 44.00
Ultima copia
Firenze, Olschki Ed. 2002, cm.17x24, pp.152, con 35 tavv.ft., br.cop.fig. Quaranta anni di storia italiana – dalla fine dell’Ottocento alla II guerra mondiale – visti dal cuore della Toscana centrale. L’attenzione è rivolta in particolare al ruolo dei gruppi rivoluzionari e alla drammatica vicenda di una famiglia anarchica che, scegliendo anche la via del brigantaggio, esaltò lo spirito ribelle del territorio e fece a lungo parlare di sé, prima di essere travolta dalla forza dello Stato e costretta al carcere, al confino e all’esilio.

EAN: 9788822251220
EUR 22.00
-10%
EUR 19.80
Ordinabile
Bologna, Cappelli 1983, cm.15,5x21,5, pp.200, brossura. Coll.Studi e Testi di Storia Medioevale,6 Copia con autografo dell'autrice. Se la storia della navigazione è ricca di opere scientifiche, basate su documenti e testi molto seri, meno lo è quella dei corsari e dei pirati, ricca di saggi divulgativi, talvolta inframezzati da leggende e mancanti di prove utili allo studioso; l’argomento si presta al romanzo, alla fantasia, alla narrativa di avventure. Ne è facile trovare negli archivi, se non con un faticoso lavoro, documenti relativi alla materia, memoriali o atti, nei quali si parli di arrembaggi, di armi usate, di remi, di cambi di velature, di cibi a bordo, di strumenti, di quanto, infine, può rendere vivo il quadro della pirateria e della corsa. Questo libro di Anna Unali è una preziosa, affascinante eccezione. L’autrice ha lavorato a lungo negli archivi, nelle biblioteche, nei musei marittimi della Spagna e in modo particolare nell’Archivio della Corona d’Aragona e nell’Archivio della Città di Barcellona; ha curato lo spoglio di centinaia di documenti e ha trovato quelli proficui alla stesura della sua opera. Precedenti studi, un volume ed alcuni saggi, dedicati agli equipaggi delle navi catalane e ai traffici commerciali nel Quattrocento, le hanno facilitato il compito. Così questo testo per la conoscenza dei pirati e dei corsari nel basso Medio Evo è da considerarsi basilare.
Note: Con un biglietto firmato dall'autrice.
EUR 35.00
Ultima copia
Presentazione di Alessandro Barbero. Novara, Interlinea 2020, cm.17x24, pp.560, brossura copertina figurata a colori. Coll.Studi. Che cosa fu il brigantaggio postunitario se non un fenomeno essenzialmente criminale, fatto di violenze ed efferatezze che colpirono innanzitutto le popolazioni dell'Italia meridionale? Eppure ancora troppo frequente è la rappresentazione del brigante come un moderno Robin Hood, quasi un romantico ribelle che lotta contro la povertà e l'insensibilità di uno stato oppressore e lontano. Lo studio di Marco Vigna permette finalmente di fare il punto su questo complesso problema, uno dei più gravi e impellenti che il giovane Stato italiano dovette affrontare. Lo fa attraverso un'analisi accurata delle fonti che lascia emergere tutta la complessità del fenomeno e l'impossibilità di ogni semplificazione interpretativa. Una rilettura necessaria e rigorosa, anche perché, osserva Alessandro Barbero nella sua presentazione, la percezione odierna del brigantaggio meridionale è ancora oggetto «di una inquietante operazione di stravolgimento della realtà e reinvenzione fraudolenta della memoria, che stravolge il ricordo di quella vasta e terribile ondata di violenza». Analizzando anche gli aspetti collaterali di questo fenomeno, dalla subcultura brigantesca fatta di stupri e cannibalismo ai processi agli ufficiali per abuso di potere, ne esce un ritratto vivido del Meridione nell'Ottocento, tra galantuomini, veri e propri burattinai delle compagnie brigantesche, cafoni e semplici cittadini vittime delle violenze. Un libro che offre uno sguardo originale anche su un problema attualissimo e irrisolto: quello delle mafie

EAN: 9788868573270
EUR 28.00
-21%
EUR 22.00
Ultima copia
Milano, Mursia Ed. 1988, cm.13x21, pp.254, brossura, copertina figurata. Coll.Fatti Testimonianze reportages,6.
EUR 12.40
-35%
EUR 8.00
Disponibile
Raccolta completa dei 27 fascicoli de I pirati della prateria, rilegati in un unico tomo. Illustrazioni di C. Tallone. Milano, Gloriosa, Casa Editrice Italiana, 1921, cm.17,5x25, pp.212, 27 tavv.bn.ft. rileg.in mezza tela.
EUR 19.00
Ultima copia
Milano, L'Europeo - Corriere della Sera 2009, cm.13x20,5, pp.189,(3), alcune foto in bn.nt., br., cop.fig.con bandelle. Coll. L'Europeo Cronaca Nera,4. Ediz. f.c.
EUR 5.00
Ultima copia
Amalfi, Biblioteca Comunale, 26 giugno - 31 agosto 2002. A cura di Flavio Russo. Amalfi, Centro di Cultura e Storia Amalfitana 2002, cm.11,5x22, pp.76, 43 ill.a col.nt., br., cop.fig.a col. [copia allo stato di nuovo].
EUR 7.00
Ultima copia
Firenze, Editoriale Olimpia 2009, cm.14x22, pp.192, br.cop.fig. Luglio 1880: il marchese Charles-Marie de Rays convince trecento sprovveduti a vendere ogni loro avere per andare a insediarsi nella «Nuova Francia», terra sperduta quanto inospitale situata in un’isola del Pacifico. Agosto 1913: Otto Witte, un clown tedesco di circa quarant’anni, viene incoronato Otto I, re d’Albania. A Parigi, nel 1925, c’è chi riesce a vendere il simbolo della grandeur nazionale, la Tour Eiffel. Storie al limite dell’incredibile e dell’incomprensibile. Eppure sappiamo che la realtà supera la fantasia, come dimostrano ampiamente le storie raccolte in questo volume. Nell’ampia carrellata che l’Autore ci propone, emergono i ritratti di personaggi che in diverse epoche storiche hanno architettato, con somma maestria, truffe di straordinaria portata. Per ogni tempo, in ogni classe sociale, in ogni settore del sapere umano. Impossibile non simpatizzare con alcuni di questi eclettici truffatori, a svantaggio degli stolti gabbati. Consola constatare che nella maggior parte dei casi le truffe non si concludono felicemente. Salvo quella operata per molti anni da Frank Abagnale che, pedinato e smascherato solo dopo interminabili inseguimenti da un caparbio agente dell’FBI, verrà da questi arruolato nelle file del Federal Bureau per formare agenti antitruffa.

EAN: 9788825302233
EUR 16.50
-39%
EUR 10.00
Ultima copia
Milano, Longanesi & C.Ed. 1968, cm.11,3x18, pp.283, 16 figg.bn.nt. tascabile, cop.ill.a col. Coll.I Libri Pocket,167.
EUR 8.00
3 copie