CARRELLO vai al carrello
Libri
Totale
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA

Assassino senza volto. Le inchieste del commissario Wellander.

Autore:
Curatore: Traduzione di Giorgio Puleo.
Editore: Feltrinelli su licenza Marsilio.
Data di pubbl.:
Dettagli: cm.14x21, pp.366, brossura copertina figurata a colori.

Abstract: Una giornata di gennaio, in un paese della Svezia, un contadino scopre che i suoi vicini, una coppia di vecchi contadini, sono stati assaliti e picchiati barbaramente. Incredulo di fronte a tanto sangue, avverte la polizia. Kurt Wallander accorre subito alla chiamata della centrale e quello che vede è peggio di quanto avesse immaginato. L'uomo è stato torturato e colpito fino alla morte, la donna è ancora viva e anche lei vittima di una violenza senza ragione. Prima di morire sussurra le sue ultime parole: "Straniero, straniero". Basta una fuga di notizie e i cittadini organizzano una caccia all'uomo. Wallander deve arginare la loro determinazione a farsi giustizia da soli, ma presto scoprirà anche che l'uomo ucciso conduceva una doppia vita.

EAN: 9788831736015
EUR 11.00
-36%
EUR 7.00
Ultima copia
Aggiungi al Carrello

Vedi anche...

Traduzione di Giorgio Puleo. Venezia, Marsilio Ed. 2017, cm.14,5x22, pp.316, leg.ed.soprac.fig.a col. Coll.Romanzi e racconti. In Tea-bag Henning Mankell riesce a farci dimenticare il commissario Wallander e a farci innamorare dei suoi nuovi incredibili personaggi. Con l’abituale scrittura travolgente, magnetica e rassicurante lo scrittore svedese tratteggia la società in cui vive, la Stoccolma meravigliosa, ma a tratti poco accogliente e in cui avvengono e si consumano terribili fatti e omicidi. Jesper Humlin è da sempre considerato il più grande poeta della tradizione letteraria svedese, ma un giorno, persino lui, si chiede il perché visto che nessuno capisce una sola parola di quello che scrive. Le metafore che utilizza sono ormai prive di significato e Humlin non capisce più la società a cui si rivolge e i fermenti che la sconvolgono e la agitano. Fino a quando, ad un convegno, non conosce la rifugiata africana Tea-bag, una donna speciale che ha molto sofferto e che è invece simbolo di una contemporaneità difficile e confusa in cui l’integrazione culturale e di idee si fa sempre più difficile. Humlin decide di iniziare per lei e per le sue amiche rifugiate un corso di scrittura creativa dove lui stesso imparerà davvero tanto e riuscirà finalmente a comprendere una Svezia nuova, ancora radicata nelle sue tradizioni, ma aperta alle novità e alle sue trame. Qualcosa però sta per accadere in Tea-bag, qualcosa che può fermare il razzismo o forse farsi travolgere da esso.

EAN: 9788831728201
EUR 18.00
-33%
EUR 12.00
Ultima copia
#251826 Letteratura
Traduzione di Andrea Stringhetti e Laura Cangemi. Venezia, Marsilio 2016, cm.14,5x22, pp.432, leg.ed.soprac.fig.a col. Coll.Romanzi e racconti. In una notte d'autunno, mentre un vento freddo soffia da nord, Fredrik Welin si sveglia colpito da un bagliore improvviso. La sua casa, ereditata dai nonni materni in una sperduta isola del Mar Baltico, sta bruciando. Prima di fuggire e lasciarsi alle spalle un cumulo di cenere, Welin riesce a infilarsi un paio di stivali di gomma. Calzano entrambi il piede sinistro. A settant'anni, oltre a quegli stivali spaiati, una roulotte e una piccola barca, non gli è rimasto più nulla. Anche le poche persone intorno a lui sono sfuggenti: la figlia Louise che non ha mai veramente conosciuto, l'ex postino in pensione Ture Jansson dalle mille malattie immaginarie e Lisa Modin, la giornalista della stampa locale di cui inaspettatamente si innamora. Tormentato da dubbi e rimorsi, ora che ha perso tutti gli oggetti che costituivano la sua stessa esistenza, Welin sente di trovarsi sulla soglia di un confine umano, parte del gruppo di persone che si stanno allontanando dalla vita. Mentre l'inverno avvolge l'arcipelago al largo di Stoccolma, si continua a indagare sulle cause di un disastro che non rimarrà isolato. E il fuoco che torna a divampare sembra quasi voler illuminare un buio per qualcuno insostenibile. L'ultimo romanzo di Henning Mankell, percorso dalla straziante bellezza di un paesaggio crepuscolare, è un'elegia alla vecchiaia e un inno alla vita che continua. Se i misteri delle isole troveranno una spiegazione, continuano a essere incomprensibili le relazioni tra le persone, con i loro segreti e silenzi. L’incendio si propaga e sembra bruciare tutto, ma l’unica cosa che riesce a fare Fredrik Wehlin è indossare un paio di stivali di gomma, peccato che siano entrambi per il piede sinistro. Stivali di gomma svedesi di Henning Mankell porta il lettore nel cuore di un nuovo mistero ambientato nelle glaciali lande nordiche. Siamo in una piccola isola del Mar Baltico e Fredrik è un vecchio medico in pensione che vive tranquillamente nella sua casa di legno di noce. Peccato che quel piccolo regno costruito con tanto amore bruci nel giro di una sola notte. L’uomo sta dormendo quando il fuoco lo assale e per pura fortuna Fred riesce a salvarsi. Nella fretta l’unica cosa che recupera è un paio di stivali con cui va solitamente a pesca, ma stranamente calzano entrambi il piede sinistro. Proprio quando si sente in salvo, arriva la polizia che lo accusa di aver dato lui stesso fuoco alla casa. Fredrik non capisce perché dovrebbero assalirlo con tali accuse, ma presto tutto si arena perché non ci sono prove ad incastrare l’uomo che continua a voler sciogliere il mistero dei due stivali uguali. Come mai non c’è lo stivale destro e di chi è quello sinistro? Proprio mentre Fredrik e la polizia sembrano essersi messi il cuore in pace e mentre si festeggia allegramente il capodanno, un’altra casa prende fuoco nell’isola. Chi è stato? E perché Fredrik ha dei vuoti di memoria mentre accadono questi fatti? Henning Mankell e la sua penna spietata e precisa trascinano il lettore in un nuovo mistero targato Svezia.

EAN: 9788831725446
EUR 19.50
-48%
EUR 10.00
Ultima copia
#225856 Letteratura
Traduzione di Laura Cangemi. Venezia, Marsilio Ed. 2013, cm.13,5x20,5, pp.137, br.cop.fig.a col. Coll.Farfalle. I Gialli.

EAN: 9788831716680
EUR 12.00
-50%
EUR 6.00
Ultima copia
Venezia, Marsilio 2007, cm.13x20, pp.491, brossura copertina figurata a colori. Collana Farfalle. Lo Härjedalen, nel nord della Svezia, è una terra di foreste sterminate, i cui lunghi inverni sono a stento rischiarati dal bagliore della neve. È qui, in un casolare sperduto, che Herbert Molin, ex poliziotto in pensione, decide di ritirarsi. E qui, un brutale assassino lo raggiunge per accompagnarlo in un ultimo, terribile ballo con la morte. Quando la polizia arriva sulla scena del delitto, trova delle impronte di sangue che sembrano tracciare i passi del tango. Il trentasettenne Stefan Lindman, ispettore della polizia di Boràs, un tempo collega della vittima, per non doversi confrontare con la malattia che lo tormenta si butta a capofitto nelle indagini e scopre ben presto l'inquietante passato nazista di Molin. Esiste un legame tra la sua morte atroce e le sue convinzioni politiche? E qual è il ruolo della rete neonazista che, sempre più nitida, viene alla luce e sembra toccare lo stesso Lindman molto da vicino? Sulle tracce dell'assassino, che dalla Svezia portano in Germania e Argentina, la sua inchiesta ripercorre un pezzo doloroso della nostra storia. Lo attende una rivelazione sconvolgente, oltre all'amara consapevolezza che la follia che per anni devastò l'Europa non è affatto sepolta.

EAN: 9788831792035
EUR 7.00
Ultima copia