CARRELLO vai al carrello
Libri
Totale
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA
#148483 Filosofia

Le idee e le cose. La teoria della percezione di Descartes.

Autore:
Editore: Ediz.ETS.
Data di pubbl.:
Collana: Coll.Philosophica,31.
Dettagli: cm.14x22, pp.272, brossura Coll.Philosophica,31.

Abstract: A quali condizioni la percezione è una rappresentazione della realtà e non una semplice finzione della mente o un sogno? Interprete privilegiato della rottura con il paradigma della somiglianza tra idee e cose che aveva lungamente garantito al pensiero un legame rassicurante con il mondo, agli inizi dell'età moderna Descartes esplora i luoghi e le metafore della dissomiglianza, dalla geometria alla grafica, dalla prospettiva al linguaggio, con un percorso che attraversa tutte le sue opere. Sarà proprio il paragone con il linguaggio a trasformare il rapporto tra idea e realtà in una relazione drammaticamente aperta alle insidie dello scetticismo e dell'idealismo. Tra interessi scientifici e domande filosofiche, Descartes intreccia la teoria della percezione con tutti i grandi temi del suo pensiero, non ultimo il dualismo mente-corpo, nel tentativo faticoso, ma convinto, di coniugare dissomiglianza e realismo. Un tentativo affascinante anche agli occhi dei filosofi che, poi, lo ritennero fallito, da Foucher a Bayle, da Reid a Russell, da Ryle a Foucault.

EAN: 9788846716699
EUR 20.00
-50%
EUR 10.00
Disponibile
Aggiungi al Carrello

Vedi anche...

#188695 Filosofia
Pisa, Ediz.ETS 2004, cm.14x22, pp.300, brossura Coll.Philosophica (7). Sebbene venga oggi catalogato come un pensatore ‘minore’, Nicolas Malebranche (1638-1715) fu uno dei filosofi più influenti del proprio secolo. Col suo pensiero si confrontarono infatti moltissimi autori, sia in Francia che nel resto d’Europa, filosofi che rispondono ai nomi di Leibniz, Locke, Berkeley, Voltaire e Hume e che videro in Malebranche uno dei maggiori esponenti del cartesianesimo. La progressiva perdita di interesse per la sua opera è quindi probabilmente frutto della presenza massiccia di temi e riferimenti religiosi che nascondono spesso la rilevanza filosofica di molte riflessioni. Questo saggio si propone così di indagare una delle tesi malebranchiane più controverse, la «visione in Dio delle idee», cercando di mostrarne, da un lato, i presupposti epistemologici – in particolare la definizione dell’idea di Cartesio e la dottrina dell’illuminazione divina di Agostino – e di ricostruire, dall’altro, il contesto teorico in cui essa si colloca.

EAN: 9788846709660
EUR 16.00
-50%
EUR 8.00
Disponibile
#195948 Filosofia
Neuchatel, Editions de La Baconnière 1946-1947, 3 tomi in 4 voll., completo, cm.14x19, pp.343,(5); 295; 409,(3); 262,(2), brossura, copp. con bandelle. (tenui fioriture alle copp. ma copia quasi interamente intonsa e in ottimo stato.) Collection Être et Penser,16-19.
EUR 99.00
Ultima copia
#194728 Filosofia
Avec 32 planches hors-texte. Paris, Les Editions Rieder 1937, cm.16x20,5, pp.97, 32 tavv.a un col.ft., brossura (dorso brunito, buoni interni.) Collction Maitres des Littératures,22.
EUR 12.00
Ultima copia
#110176 Filosofia
Firenze, Olschki Ed. 2007, cm.17x24, pp.XXXIV,316, brossura Coll.Le Corrispondenze Letterarie, Scientifiche ed Erudite dal Rinascimento all'Età Moderna - Subsidia,8. La storia della teoria di Descartes sulla dipendenza delle verità eterne dall'arbitrio di Dio, enunciata per la prima volta dal filosofo francese nelle lettere a Marin Mersenne del 1630, tocca temi filosofici che spaziano dallo statuto degli assiomi logico-matematici alle questioni teologiche legate al rapporto tra possibili e onnipotenza divina. Sono analizzate le opinioni della maggior parte degli autori che presero parte al dibattito seicentesco su questo problema, uno dei più complicati tra quelli che la teologia razionale ebbe ad affrontare.

EAN: 9788822257178
EUR 40.00
-10%
EUR 36.00
Ordinabile