CARRELLO vai al carrello
Libri
Totale
SPESE DI SPEDIZIONE GRATIS
PER IMPORTI SUPERIORI A
35 € IN ITALIA
70 € IN EUROPA

Sulla poesia ingenua e sentimentale.

Autore:
Curatore: Traduz.di Elio Franzini e Walter Scotti.
Editore: SE Ed.
Data di pubbl.:
Collana: Coll.Aesthetica,9.
Dettagli: cm.13x22, pp.126, brossura con bandelle, cop.fig.a col. Coll.Aesthetica,9.

Abstract: "Nel saggio «Sulla poesia ingenua e sentimentale», pubblicato tra il 1795 e il 1796, Schiller completa quel suo percorso estetico che vede al centro, nella rilettura originale di alcuni temi kantiani, le questioni della poesia, della natura, del tragico, del sublime e della grazia. Questo scritto ha un profondo significato «simbolico» nel lavoro schilleriano: è infatti non solo l'ultimo dei saggi dedicati ai temi dell'arte e della poesia, ma segna anche quello che lui stesso chiama un «congedo dalla teoria». Proprio per tale motivo, è uno scritto che risulta essere in profonda sintonia con la sua produzione «estetica» precedente, di cui è quasi un organico «completamento». Ebbe infatti una grande risonanza e un immediato successo. Successo ovviamente favorito dallo «schema» generale dello scritto, che si innesta sia sulla già utilizzata capacità schilleriana di costruire il suo pensiero su fortunate «coppie» concettuali, sia sul richiamo a una polemica culturale precedente, la secentesca Querelle tra Antichi e Moderni che viene più o meno esplicitamente «riattivata». Infatti il termine «ingenuo» deriva dagli «effetti» di quella antica e fortunata polemica, dal momento che venne utilizzata dal suo fondatore Charles Perrault e più volte ripresa nel corso del Settecento, in particolare francese. Quando Schiller distingue tra poesia ingenua e poesia sentimentale non vuole limitarsi a operare un'interpretazione «storica» (da un lato i classici e dall'altro i moderni, cioè i romantici), bensì segnare la tipologia del rapporto di unità o scissione tra l'arte, l'uomo e la natura. Questo rapporto è «estetico», legato cioè alla relazione sensibile che il poeta ha con il nucleo veritativo e simbolico dell'opera nel suo rapporto con la natura." (Dallo scritto di Elio Franzini).

EAN: 9788884169068
EUR 19.00
-28%
EUR 13.50
Disponibile
Aggiungi al Carrello

Vedi anche...

Traduzione e introduzione di Barbara Allason. Francesco De Silva 1948, cm.10,5x18, pp.XX,518, legatura editoriale cartonata. Coll.Il Nobile Castello. (testi scelti d'arte e di Pensiero),3.
Note: Cerniera interna rotta.
EUR 13.00
Ultima copia
Nota introduttiva di Maria Donatella Ponti. Traduzione di Barbara Allason. Torino, Giulio Einaudi Editore 1969, cm.11x18, pp.VI,132, brossura, cop.fig. Collezione di Teatro,283.
Note: sottolineature a evidenziatore.
EUR 5.00
Ultima copia
Munchen, Goldmann Verlag cm.11,5x18, pp.310, brossura. Coll.Gelbe Taschenbucher,488.
Note: firma d'appartenza all'occhietto
EUR 8.00
Ultima copia
Munchen, Goldmann Verlag 1960 cm.11,5x18, pp.360, softcover. Sprache: Deutsch.
EUR 7.00
Ultima copia